Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Contro la violenza di genere la tecnologia è un'arma in più

Contro la violenza di genere la tecnologia è un'arma in più

Device antiaggressione protagonista di episodi a lieto fine

ROMA, 12 febbraio 2024, 13:30

Redazione ANSA

ANSACheck

Una donna al telefono - RIPRODUZIONE RISERVATA

Una donna al telefono -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Una donna al telefono - RIPRODUZIONE RISERVATA

   L'innovazione tecnologica e i nuovi device come potenziali alleati dello Stato contro la violenza di genere. Segnali incoraggianti arrivano da alcuni episodi in cui le protagoniste hanno evitato il peggio grazie a dispositivi antiviolenza.

    "A inizio gennaio sono andata a trovare un'amica a Milano", racconta Valentina (nome di fantasia), 17enne originaria del bresciano. Sulla via del ritorno, lo spiacevole episodio "verso sera la mia amica mi ha accompagnata in stazione a prendere il treno del ritorno", continua, "ad un certo punto entrano nel vagone quattro ragazze ridendo ed urlando […] poi hanno messo della musica ed hanno iniziato a ballare". In un lampo, gli altri passeggeri escono dal vagone, Valentina si ritrova sola e "una delle ragazze si avvicina e inizia a farmi apprezzamenti ed a toccarmi i capelli" mentre, poco dopo un'altra la molesta. Un passeggero entra nel vagone e Valentina ne approfitta per azionare il device che aveva con sé, attivandone la sirena che in breve tempo le consente di mettersi in salvo: "Sono scesa alla prima fermata, per fortuna i miei genitori sono venuti a prendermi lì perché avevano visto i messaggi sos geolocalizzati mandati ai contatti di emergenza dal WinLet".

   Un episodio che si aggiunge ad uno simile, avvenuto lo scorso dicembre nel milanese, dove una studentessa è scampata ad una potenziale violenza di gruppo grazie allo stesso accessorio antiaggressione.
Ad asserirlo Pier Carlo Montali, ideatore del dispositivo WinLet che a fine gennaio è stato ascoltato in audizione in Commissione parlamentare d'inchiesta sul femminicidio. 

 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza