Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Il Me Too blocca le lezioni all'Università di Torino

Il Me Too blocca le lezioni all'Università di Torino

Docente sospeso, protesta studenti: "Alcune temono ritorsioni"

TORINO, 12 febbraio 2024, 18:11

di Andrea Doi

ANSACheck

Molestie a UniTo: studenti, 'blocchiamo le lezioni ' - RIPRODUZIONE RISERVATA

Molestie a UniTo: studenti,  'blocchiamo le lezioni ' -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Molestie a UniTo: studenti, 'blocchiamo le lezioni ' - RIPRODUZIONE RISERVATA

L'onda MeToo che è partita da Torino fa intravedere all'orizzonte un nuovo movimento studentesco, pronto a contestare con forza l'intero sistema universitario italiano. Mentre gli studenti dell'università subalpina manifestano e si preparano per nuove mobilitazioni contro le molestie all'interno dei dipartimenti, il rettore dell'ateneo, Stefano Geuna, annuncia un meeting nazionale sul tema, che si svolgerà proprio sotto la Mole, il 20 marzo. Decisione presa dopo aver parlato anche con la ministra dell'Università Anna Maria Bernini. I giovani non voglio sentire parlare di "mele marce" o di "singoli casi".

Da giorni ormai denunciano le violenze di genere, che vedono come vittime non solo le studentesse, ma anche docenti e ricercatrici. L'ultima iniziativa è del collettivo Cambiare Rotta, che ha fatto irruzione, nel primo giorno di lezione del semestre, nelle aule di Palazzo Nuovo, sede storica delle facoltà umanistiche, interrompendo le lezioni e invitato gli altri studenti a unirsi per un'assemblea, che si è tenuta nell'atrio. I casi, hanno spiegato, non sono solo quelli più eclatanti di cui si sta occupando la cronaca, che vedono coinvolti un docente-medico arrestato, perché accusato di presunte violenze sessuali e un professore del dipartimento di Filosofia, sospeso per un mese per presunte molestie verbali. "Non cerchiamo un capro espiatorio, noi critichiamo l'intero modello universitario, quindi anche il rettore", afferma Erica di Cambiare Rotta.

Tirato in ballo Stefano Geuna, replica annunciando, per la giornata delle università italiane il tavolo nazionale. Lo ha proposto alla ministra Bernini e alla presidente della Conferenza dei rettori delle università italiane, Giovanna Iannantuoni. "È il momento di agire", afferma il rettore di UniTo, aggiungendo che le "sollecitazioni che ci arrivano non le prendiamo sotto gamba. Al di là dei fatti di cronaca che sono gravissimi". "Negli anni abbiamo ricevuto pochissime denunce - sottolinea Geuna - ma che il dato in nostro possesso sia sottostimato è probabile e su questo dobbiamo agire".

Gli studenti intanto parlano di paura di denunciare, temono ritorsioni. Molti docenti invece sostengono la loro lotta. "Faccio parte di un istituzione che se viene a conoscenza di un abuso ha il dovere di intervenire con trasparenza e costruendo tutti gli strumenti che impediscano che se questo sistema c'è si riproduca", commenta Bruno Maida, docente di Storia contemporanea e presidente della commissione Albo di UniTo. Anche dalla Conferenza delle Donne Democratiche, dal Pd e dalla federazione provinciale dei Giovani Democratici è arrivata la solidarietà. "L'università - evidenziano - è un luogo troppo prezioso e rilevante per la società tutta e per questo non possiamo accettare che diventi insicuro, ingiusto e pericoloso".

   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza