Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

F1: guizzo Ferrari nei test in Barhein, Sainz il più veloce

F1: guizzo Ferrari nei test in Barhein, Sainz il più veloce

Ha preceduto la Red Bull di Perez e la Merdedes di Hamilton

ROMA, 22 febbraio 2024, 20:10

Redazione ANSA

ANSACheck

© ANSA/EPA

© ANSA/EPA
© ANSA/EPA

Se sono rose, fioriranno o almeno è questa la speranza in casa Ferrari. Nel secondo giorno di test pre-stagionali in Bahrein la Rossa piazza il guizzo vincente e segna il tempo più veloce della giornata grazie a Carlos Sainz. Lo spagnolo realizza una serie di giri con ottimi tempi, quasi a testimoniare la buona tenuta della nuova monoposto di Maranello. Alle sue spalle Sergio Perez con la solita Red Bull che - come sottolinea prudentemente lo stesso Sainz Junior a fine sessione - "è veloce e resta in modo evidente la macchina da battere". Alle loro spalle Lewis Hamilton alle prese con una Mercedes ancora alla ricerca del miglior assetto in pista. Leggermente più indietro, sesto, Charles Leclerc che, da regolamento, ha dovuto condividere la monoposto con Sainz. In casa Red Bull tiene banco ancora il caso Christian Horner. Il team principal degli austriaci, sotto indagine per le accuse di "comportamento inappropriato" da parte di una collega di squadra, non ha voluto parlare del suo futuro spiegando che "è in corso un procedimento di cui sono parte e per questo non posso commentare". In merito all'evoluzione della monoposto si è limitato a dire che "con un periodo così limitato dei test, ogni giro è importante" e che "le prestazioni sono andate secondo i piani" anche se "è difficile trarre conclusioni dopo una giornata".

C'è ancora tempo per capire se quello della Ferrari è soltanto un fuoco di paglia. I test pre-stagionali, d'altronde, sono influenzati da una serie di variabili che non consentono di avere un reale riscontro delle differenze tra le scuderie. In primo luogo che la strategia delle stesse scuderie che non vogliono concedere riferimenti agli avversari. I tempi sono condizionati anche dal carico di benzina che ogni team può variare, dal tipo di pneumatici usati, dalla temperatura della pista che varia nel corso della giornata e dagli assetti che ogni scuderia standardizza per i propri piloti. Venerdì è in programma l'ultima giornata di prove sulla pista di Sakhir e ci saranno elementi in più per capire la reale portata delle prestazioni delle monoposto. "La cosa più importante è che la macchina fa quello che ci aspettavamo. Rispecchia quanto visto in galleria del vento e nelle simulazioni. Non so se basterà per battere una Red Bull già veloce, abbiamo girato solo mezza giornata", ha sottolineato Sainz. "Sicuramente sembra migliorata la guidabilità e il degrado gomme. Rispetto al 2023 sembra meglio, anche se la Red Bull sembra velocissima. Noi ci siamo concentrati molto sul long run e sul degrado gomme, cosa che lo scorso anno si era evidenziato subito qui". Soddisfatto appare anche Leclerc: "L'anno scorso tutto poteva succedere in una curva e cambiare in quella dopo: era il peggio che poteva capitare. Quest'anno il feeling è migliore, il bilanciamento è più consistente. Per questo motivo la base di partenza è migliore. Lo scorso anno non si capivano i difetti, si poteva dire di tutto. Nel 2024 la direzione in cui vogliamo migliorare è molto chiara. Ma a livello di competitività non si può dire nulla: a volte ci sono state macchine molto veloci ma difficili da guidare, altre volte è capitato il contrario", ha detto il pilota monegasco.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza