Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Da Oslo a Trump, i piani di pace falliti

Da Oslo a Trump, i piani di pace falliti

Come la speranza della stretta di mano Rabin-Arafat a Camp David

15 febbraio 2024, 19:24

di Silvana Logozzo

ANSACheck

Da Oslo a Trump, i piani di pace falliti - RIPRODUZIONE RISERVATA

Da Oslo a Trump, i piani di pace falliti -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Da Oslo a Trump, i piani di pace falliti - RIPRODUZIONE RISERVATA

Le macerie dei kibbutz israeliani bruciati e i palazzi sventrati a Gaza hanno riportato su un metaforico tavolo internazionale l'urgenza di tradurre in realtà la speranza di pace contenuta in una delle immagini che hanno segnato il Ventesimo secolo: la stretta di mano fra il primo ministro israeliano Yitzhak Rabin e il leader palestinese Yasser Arafat sul prato della Casa Bianca il 13 settembre 1993.

Trentuno anni dopo la storia si ripete tragicamente, e ciclicamente. Ora, mentre le cancellerie internazionali cercano soluzioni per un cessate il fuoco e il rilascio degli ostaggi ancora in vita, più che mai sembra vitale lo sforzo per un accordo di pace. Nonostante ostacoli che sembrano insormontabili.

Gli accordi di Oslo - Un anno intero di negoziati segreti tra i fiordi attorno a Oslo, tenendo all'oscuro anche la Cia, "aveva creato una congiunzione astrale senza precedenti", ebbe a dire Yossi Beilin, vice ministro degli Esteri israeliano che nel 1992 aveva avviato i contatti con i palestinesi. Dopo aver appoggiato l'aggressione di Saddam Hussein al Kuwait, Yasser Arafat non aveva più l'aiuto né il denaro dei Paesi arabi.

Nel giugno 1992 i laburisti avevano vinto le elezioni con Yitzhak Rabin: Beilin convinse il ministro degli Esteri Shimon Peres. Peres convinse Rabin. Il dialogo fu annunciato e coinvolti gli americani. Alla Casa Bianca il 13 settembre 1993, Rabin e Arafat si strinsero la mano. Si decise di partire con l'esperimento: "Gaza e Gerico first", con l'autonomia alle due città. Ci fu un certo successo. Ma la destra israeliana, Hamas e soprattutto il terrorismo, da entrambe le parti, fecero saltare tutto. Nel 1994 un ebreo estremista assassinò Yitzhak Rabin a Tel Aviv.

Camp David - Al vertice di pace in Medio Oriente di Camp David, tra l'11 e il 24 luglio 2000, presero parte l'allora premier israeliano Ehud Barak e il presidente dell'Autorità nazionale palestinese Yasser Arafat. Sotto l'egida del presidente Usa Bill Clinton. Barak, sotto forti pressioni Usa, propose ad Arafat uno Stato palestinese nella Striscia di Gaza e in parte della Cisgiordania, il ritorno di un certo numero di profughi, la smilitarizzazione dello Stato palestinese e lo smantellamento dei gruppi terroristici. Arafat rifiutò l'offerta. Clinton avrebbe voluto che Camp David chiudesse la sua vita da presidente con un successo storico. Invece due mesi dopo scoppiò la seconda Intifada. Arafat non la fermò.

Due Stati due popoli -  La proposta di due Stati per due popoli che prevedeva la creazione di uno Stato di Palestina con la Striscia di Gaza e la Cisgiordania, e con capitale Gerusalemme est, nel rispetto degli accordi presi durante l'armistizio del 1949, era alla base della soluzione di pace proposta dell'Arabia Saudita nel 2002. Fu accettata dall'Autorità Nazionale Palestinese e da tutti i Paesi della Lega Araba. Il piano promise in cambio della tregua le relazioni diplomatiche tra i Paesi arabi e Israele e il ritorno ai confini precedenti il 1967. Soluzione diffusa anche in Israele nel movimento del sionismo socialista. E' stata approvata dall'Onu ma mai realizzata.

Peace for Prosperity -  Nel 2020 Donald Trump presentò in conferenza stampa con Benyamin Netanyahu il Peace for Prosperity, un piano che in cambio di alcune concessioni extra imponeva il riconoscimento degli insediamenti israeliani in Cisgiordania. Per i palestinesi, un'espansione territoriale significativa, con un territorio di dimensioni paragonabili a quelle della Cisgiordania e di Gaza. Il piano è stato respinto subito dai palestinesi. Che non furono invitati al meeting.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza