Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Il Rito di Ingmar Bergman diventa teatro al San Ferdinando

Il Rito di Ingmar Bergman diventa teatro al San Ferdinando

A Napoli dal 27 febbraio nella versione di Alfonso Postiglione

NAPOLI, 22 febbraio 2024, 18:43

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Va in scena a Napoli Il Rito di Ingmar Bergman nella versione per il teatro che il regista Alfonso Postiglione, autore anche dell'adattamento del testo tradotto da Gianluca lumiento, realizza dall'omonimo film (Riten) del grande cineasta svedese.
    Interpretato da Elia Schilton nel ruolo del giudice Ernst Abrahmsson, Alice Arcuri (in quello di Thea Winkelmann), Giampiero Judica (nei panni di Sebastian Fischer) e Antonio Zavatteri (in quelli di Hans Winkelmann), dopo la prima al Campania Teatro Festival 2023, lo spettacolo debutta martedì 27 febbraio al Teatro San Ferdinando, con repliche fino a domenica 3 marzo.
    La sceneggiatura di Bergman realizza, in nove quadri, la descrizione dell'ossessivo accanimento di un giudice contro tre attori di teatro che vengono denunciati e sottoposti al suo giudizio per rispondere delle accuse di oscenità rivolte al loro ultimo spettacolo.
    "La performance dei tre - sottolinea il regista Alfonso Postiglione - si rivela una sorta di rito dionisiaco dalle chiare valenze simboliche in cui la forza della creazione artistica vince sui tentativi di censura e normalizzazione di una qualsivoglia autorità, politica o sociale". Incentrata sul rapporto, spesso conflittuale, tra autorità costituita e azione artistica, questa vicenda "sembra parlarci del nostro presente nonostante il testo, tratto dalla sceneggiatura originale, che inizialmente Bergman scrive proprio per il teatro, sia fedele al film diretto per la televisione svedese nel 1969. Oltre al tema della censura - conclude il regista - subìta spesso da Bergman ai suoi tempi, nel testo è forse ancora più centrale l'affermazione delle potenziali possibilità destabilizzanti che possono scaturire da un atto artistico".
    La produzione è del Teatro di Napoli-Teatro Nazionale, Ente Teatro Cronaca, Fondazione Campania dei Festival.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza