Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Scaldati torna in scena a Prato a 10 anni dalla morte

Scaldati torna in scena a Prato a 10 anni dalla morte

'Si illumina la notte', drammaturgia e regia di Livia Giunfrida

PRATO, 21 febbraio 2024, 12:19

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Un gioco sottile, che per comunicare punta sulla poesia e magari il nonsense, partendo da suggestioni della Tempesta di Shakespeare per arrivare a denunciare un mondo in cui si collezionano munizioni e si fa la guerra, un mondo desolato che per sopravvivere ha bisogno di poeti e di parole, di comunicare e scoprire il senso delle cose. In questo 'Si illumina la notte', prodotto e proposto al Teatro Metastasio di Prato, collage di testi di Franco Scaldati rimontati, per i dieci anni dalla sua morte, con altri echi che Livia Gionfrida propone come testimonianza di una realtà apocalittica e apparentemente senza speranza, "si contano i giorni sino a che non ce ne sono più", tra campane che suonano a stormo e una pioggia di stivali, come resti di un'umanità sparita, si anela un'armonia e si aspetta il chicchirichì che potrebbe annunciare un nuovo giorno e, nel finale, si apre uno spiraglio di luce, sapendo che la natura indifferente farà continuare a sbocciare i fiori sulla terra.
    Gionfrida lavora da tempo su Franco Scaldati (1943-2013), drammaturgo singolarissimo che esprime un suo personale universo senza tempo con una scrittura intensa e che usa un siciliano stretto e difficilmente comprensibile, quasi un cantilena araba, dalla potenza poetica e un procedere ora concreto e tragico ora nonsense al limite della provocazione e senza una necessaria consequenzialità, proponendo quadri che funzionano per accumulo, visioni, lampeggiamenti.
    Il palcoscenico, per questo teatro "arcaico", come lo definisce Valentina Valentini, curatrice per Marsilio con Viviana Raciti di tutta l'opera di Scaldati, è vuoto e nero in una sorta di notte senza fine in cui tutti "sdrubbano" tutto e contro cui lottano Ariel, con ricordi di Pulcinella, e il Poeta, che è un po' il mago Prospero, si agita una sorta di Calibano, Miranda vorrebbe far chiarezza in se stessa e la Luna prova a illuminare qualcosa, mentre cadono le stelle.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza