Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Giorgio Palù si è dimesso dalla presidenza dell'Aifa

Giorgio Palù si è dimesso dalla presidenza dell'Aifa

'Totale assenza di ascolto da parte di Schillaci'

23 febbraio 2024, 10:36

Redazione ANSA

ANSACheck

Giorgio Palù - RIPRODUZIONE RISERVATA

Giorgio Palù -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Giorgio Palù - RIPRODUZIONE RISERVATA

"Vi comunico, dopo un'attenta meditazione, che la mancata sintonia col Ministro e l'assenza di risposte dal Governo mi costringono a dare le dimissioni da Presidente nominato di Aifa hic et immediate". Lo scrive Giorgio Palù in una lettera rivolta al consiglio di amministrazione dell'Agenzia del farmaco definendo "offensivo e umiliante" l'incarico di un anno. "Recrimino la totale assenza di ascolto da parte del Ministro nelle scelte operate per Aifa", scrive Palù. 

"La non retribuzione dell'incarico non mi preoccupa di certo. Considerandomi al servizio della res publica, ho infatti già svolto per tre anni le funzioni di Presidente di Aifa senza ricevere alcun compenso né gettone di presenza, rifiutando anche di essere titolare di carta di credito dell'Ente", scrive ancora Palù. "Mi sorprende invece la disparità di trattamento rispetto ad altri Presidenti di Ente pubblico in pensione, beneficiari, contestualmente alla nomina, della legge 24 gennaio 1978 n.14, legge che nel mio caso, ancora una volta, non trova applicazione", aggiunge.

"Avendo concepito e promosso la riforma di Aifa, ho sentito il dovere di convocarvi oggi per segnalarvi alcuni obiettivi che ritengo essenziali per rilanciare l'Agenzia: tra questi, una forte e qualificata rappresentanza di Aifa in seno alle commissioni Europee e l'informatizzazione dei dati farmaco-economici", prosegue il presidente uscente dell'Agenzia italiana del farmaco nella lettera al Cda.

Altri obiettivi indicati sono "gli studi clinici per stimare il valore delle cure, la comunicazione scientifica, il coinvolgimento di esperti di altissimo profilo a sostegno della Commissione scientifica ed economica del farmaco (Cse), la promozione della ricerca biomedico-farmaceutica, sicuramente uno dei settori più qualificanti per lo sviluppo scientifico-tecnologico del Paese".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza