/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

L'arte dei muretti a secco a Pantelleria, ora c'è un corso

L'arte dei muretti a secco a Pantelleria, ora c'è un corso

Sull'isola ci sono circa 12.000 km di barriere in pietra

PANTELLERIA, 11 aprile 2024, 18:10

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

Non si può pensare a Pantelleria senza immaginarla con gli splendidi terrazzamenti, la sua agricoltura eroica e i muretti a secco che disegnano uno skyline unico nel suo genere. Se la si guarda da un lato o dall'altro l'isola 'perla nera' del Mediterraneo è segnata da centinaia di metri di muretti a secco che delimitano strade urbane, sentieri pedonali e gli appezzamenti di terreno che gli abitanti dell'isola hanno messo in produzione con vigneti, uliveti o piccoli orti. "Ad oggi si contano quasi 12 mila km di barriere in pietra sull'isola - spiega Carmine Vitale, geologo del Parco di Pantelleria - che necessitano di manutenzione laddove si sono danneggiati". Sapere costruire un muretto che duri è un'arte che nel tempo si è tramandata di generazione in generazione. I più anziani dell'isola raccontano che tra agricoltori vi era un mutuo soccorso nella logica dell'autosostentamento: ci si aiutava a vicenda e chi era un bravo mastro a costruire i muretti senza cemento andava da una parte all'altra dell'isola senza pretendere nulla in cambio. Fra qualche giorno il Parco di Pantelleria, insieme a Comune, Ebat Trapani e Itla Italia Aps, avvierà un corso gratuito, teorico e pratico per 10 persone che potranno formarsi su come costruire i muri in pietra a secco. Il corso avrà la durata di 34 ore, 10 teoriche e 24 di pratica. Il "docente" sarà Pietro Della Monica esperto di paesaggistica.
    Stefano Gamba, 61 anni, isolano, che i muretti a secco li sa fare dice: "Si deve essere bravi a scegliere le pietre migliori, spaccarle e poi comporle, l'una sopra l'altra, trovando un incastro naturale affinchè si sorreggano l'una con l'altra. Oggi i giovani vanno tutti via dall'isola e nessuno impara più quest'arte che sta scomparendo". Nella nomenclatura dei mestieri, in effetti, non esiste il mastro di muretti. "Sono stati gli stessi agricoltori a imparare come fare - spiega Battista Belvisi, 50 anni, agricoltore della contrada Buggeber - io ricordo che finivo di fare i compiti di scuola e mi mettevo a fianco a mio padre per imparare come si alzavano i muretti". Dai nonni hanno imparato i figli e poi anche i nipoti. Non c'è un manuale per farli - dice Battista - Questo corso è un segnale di speranza sono fiducioso e mi auguro che si ritorni a essere più contadini, con più umiltà, e a farlo non solo per interessi economici".
    L'arte nel fare i muretti a secco dal 2018 è patrimonio immateriale dell'Unesco, riconoscimento avvenuto 4 anni dopo quello assegnato per la coltivazione della vite ad alberello.
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza