Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Dal carcere al lavoro nei campi, il riscatto di due ex detenuti

Dal carcere al lavoro nei campi, il riscatto di due ex detenuti

Cerignola, ammessi al programma di esecuzione penale esterna

CERIGNOLA, 21 febbraio 2024, 12:21

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Lavorano nella cooperativa sociale Pietra di scarto di Cerignola (Foggia) e stanno seguendo le fasi della lavorazione agricola prima e poi della trasformazione agroalimentare. Si tratta di due ex detenuti di Cerignola che hanno beneficiato del programma di esecuzione penale esterna una volta giunto il definitivo di pena a seguito della buona condotta e del percorso seguito in carcere.
    Si chiamano Nino e Franco e da ottobre lavorano a Cerignola nel laboratorio di legalità Francesco Marcone (intitolato al direttore del registro di Foggia ucciso nel 1995), bene confiscato alla mafia che la cooperativa gestisce dal 2010. Qui si coltivano olive, pomodori, orticole, uva e frutta. I due ex detenuti hanno ottenuto due borse lavoro nell'ambito del progetto 'In me non c'è futuro' realizzato dalla cooperativa sociale grazie al finanziamento del bando otto per mille della chiesa valdese.
    Hanno un regolare contratto, rileva Giuseppe Mennuni, responsabile agricoltura della cooperativa, e percepiscono lo stipendio previsto dal rapporto lavorativo instaurato. Sono impiegati per 6 ore e trenta al giorno e attualmente sono utilizzati per la raccolta delle olive, poi ci sarà la fase della potatura, quella della concimazione e poi la raccolta del pomodoro per passare alla fase della trasformazione. "La loro borsa lavoro - spiega il presidente della cooperativa Pietro Fragasso - termina a giugno ma certamente prolungheranno il rapporto lavorativo con noi". E' importante "dare un futuro ed una leva di prospettiva - osserva ancora - a chi ha conosciuto esperienze come quelle del carcere. Lavorare sull'autostima. Fornire una seconda possibilità. E' fondamentale realizzare esperienze come questa su un bene confiscato alla mafia, evidenziando quell'anima di bene comune che luoghi come questo hanno a Cerignola, terra di mafia - conclude Fragasso - ma soprattutto terra di Giuseppe Di Vittorio e culla del diritto del lavoro".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza